News

Il primo ristorante subacqueo in Europa: Under in Norvegia

Il primo ristorante subacqueo in Europa: Under in Norvegia

Osservare la vita marina da una finestra panoramica a 5 metri di profondità

Under è il primo ristorante subacqueo in Europa aperto proprio nel 2019. Visto dall’esterno sembra un enorme cetaceo che, dopo essere stato trascinato da una mareggiata, si è arenato sugli scogli. In realtà è una struttura ben incassata nel mare a 5 metri di profondità che mostra al suo interno il proprio tesoro: “Under”, in Norvegese, significa infatti “sotto” e “meraviglia”. Situato nella parte meridionale della costa norvegese, a Lindesnes, punto d’incontro delle mareggiate provenienti da nord e da sud, importante crocevia di flussi naturali, habitat ideale per una moltitudine di specie marine che qui possono prosperare.

Primo Ristorante Subacqueo Europa Under Norvegia 01
Primo Ristorante Subacqueo Europa Under Norvegia 02

Lungo l’ingresso del ristorante alcuni pannelli informativi illustrano nozioni sulla biodiversità marina che può essere ammirata attraverso la finestra panoramica, 11 metri di larghezza per 3 metri di altezza, posizionata su tutta la lunghezza del muro e visibile a ogni livello del ristorante che comprende una hall e un guardaroba, uno champagne bar. Tutti i piani sono uniti da una scala di quercia gigante.

Il ristorante progettato da Snøhetta funge anche da centro di ricerca per la vita marina, offrendo un omaggio alla fauna selvatica del mare e alla costa rocciosa della punta meridionale della Norvegia.

All’interno ogni dettaglio è studiato per rendere l’ambiente accogliente ed allontanare il senso di claustrofobia: l’utilizzo di pannelli acustici in rovere per rifinire gli interni, e di colori in gradazione creano un’atmosfera calda che contrasta con l’ambiente esterno. Man mano che si scende in profondità, i colori più chiari cedono il posto a verdi e blu più accentuati. Gli architetti hanno pensato anche ad una vista notturna della vita marina: posizionando luci soffuse sul fondo del mare e un'illuminazione interna si viene a creare un’atmosfera unica.

Primo Ristorante Subacqueo Europa Under Norvegia 03
Primo Ristorante Subacqueo Europa Under Norvegia 04

L'architettura subacquea in connubio con il paesaggio

Parlando di ristoranti subacquei, si pensa solitamente a luoghi esotici quali le Maldive o Dubai, che ne ospitano diversi. Quella della Norvegia e del Mare del Nord, è una scelta insolita in linea però con la filosofia di Snøhetta, lo studio di architettura che si è occupato di Under. Attenti ai problemi di deterioramento delle strutture e allo sviluppo sostenibile, i loro progetti architettonici si integrano a pieno con la cultura, con il clima e il sistema ecologico del luogo che andranno a occupare, alla ricerca costante del connubio tra tradizione e originalità.

L’obiettivo del guscio di cemento ruvido del ristorante è quello di favorire, col tempo, l’adesione di alghe e molluschi: la barriera che si verrà a creare su questa specie di scoglio artificiale contribuirà a purificare l’acqua e a far avvicinare quante più specie alla struttura.

Tutta l’architettura di questo ristorante è pensata per mimetizzarsi con il paesaggio marino circostante, in linea con la tradizione scandinava, seguita dagli architetti, secondo la quale il connubio tra architettura e paesaggio, edifici e strutture che si integrano al paesaggio circostante è indispensabile.

Primo Ristorante Subacqueo Europa Under Norvegia 05
Primo Ristorante Subacqueo Europa Under Norvegia 06
Primo Ristorante Subacqueo Europa Under Norvegia 07

Com'è stato costruito Under?

La struttura monolitica lunga 34 metri è realizzata per resistere alle pressioni della burrascosa corrente sottomarina: le pareti in cemento sono spesse 50 cm e la finestra panoramica del ristorante permette una vista del fondale marino che cambia durante le stagioni e le diverse condizioni meteorologiche.

Costruito su una chiatta a 20 m dal sito finale, è stato poi trasportato con l'uso di una gru e di rimorchiatori, e posizionato sullo scoglio. Il guscio strutturale è stato poi inondato con acqua per resistere alla galleggiabilità, permettendogli di ancorarsi sul fondo cinque metri più in basso. L'edificio è ora fissato a una lastra di cemento con 18 bulloni, ancorata alla roccia fresca sul fondale marino.

Ammirare la vita marina dalla vetrata del ristorante di 495 metri quadrati è un’esperienza davvero unica: sembra di essere dentro un acquario a forma di periscopio affondato, con la differenza che in realtà si è immersi nella fauna nel Mare del Nord.

L'acqua come nuovo territorio

Anche se quella dell’architettura subacquea è una controtendenza rispetto all’architettura che guarda ai grattacieli e alle costruzioni sempre più tendenti al cielo, molti sono oggi i progetti e gli studi che guardano al mare come luogo di partenza per costruzioni architettoniche. Gli esempi sono costituiti da hotel e strutture di lusso come l’Hotel Burj Al Arab a Dubai che ospita Al Mahara, uno dei migliori ristoranti sottomarini, o Ithaca Undersea Restaurant alle Maldive, situato nell’hotel Conrad Maldives Vangali Island, per citare solo due di molti esempi.

Hotel Burj Al Arab a Dubai - Al Mahara

Hotel Burj Al Arab a Dubai - Al Mahara

Ithaca Undersea Restaurant - Maldive

Ithaca Undersea Restaurant - Maldive

Insomma il pensiero progettuale viene costantemente rimodulato in base al cambiamento climatico, che causa un continuo innalzamento del livello del mare, e alla sostenibilità, e porta a considerare nuove risorse, come l'acqua, veri e propri territori di costruzione. 

Progettazione sostenibile, Architetture dal mondo